“Con l’alluvione del 1966 abbiamo perso tutto, ci siamo reinventati e oggi siamo pronti per la quarta generazione”

Firenze – In 93 anni ne passa di acqua sotto i ponti. E a Firenze ne è passata davvero tanta il 4 novembre del 1966, quando la grande alluvione ha sconvolto i piani di intere famiglie. All’alba di quel giorno, che nessuno può dimenticare, era una lotta a recuperare quanto si poteva, una corsa disperata a mantenere una quotidianità che agli occhi di tutti era già svanita.

Merlo_Carta_carta_packaging_on_line_01A guardare con rassegnazione quintali di merce impregnata d’acqua e fango, che emanava un invadente odore di gasolio, era Giancarlo Merlo, che gestiva l’attività di carta da imballo e carta grafica all’ingrosso iniziata dal padre Gastone (nella foto) nel 1925. Carta che in quel giorno difficile quanto indimenticabile era diventata qualcos’altro: una poltiglia che si sbriciolava, perdeva pezzi e non c’era altro da fare se non buttarla e pensare a come salvare l’attività.

Oggi, a 85 anni, Giancarlo Merlo racconta questa storia con la forza di chi sa cosa vuol dire “rinascere”.

“L’alluvione ci ha messo in ginocchio – racconta – nel giro di poche ore ho perso tutto e dovevo re-inventare il lavoro”. “Nel 1966 il magazzino era in zona Bellariva, ma ne ho aperto uno nuovo in Piazza della Libertà. Grazie anche all’aiuto dello Stato, intervenuto per arginare l’emergenza, sono riuscito un po’ alla volta a comprare un’automobile e a risollevare l’azienda in 15 giorni”.
merlo-carta-packaging-on-lineGiancarlo Merlo ripercorre la lunga storia della sua azienda negli uffici della Merlo Carta (Nuova Merlo Carta S.p.A) di Sesto Fiorentino (località Osmannoro), che oggi importa merce da tutto il mondo e fattura circa sei milioni di euro l’anno dalla vendita all’ingrosso di carta e cartone da stampa – per tipografie, litografie e cartotecniche – e da quella di buste, borse, etichette, oggetti natalizi e per la vetrinistica, che avviene in tre modi: con il cash&carry, con un canale di vendita per corrispondenza tramite catalogo e attraverso i siti e-commerce www.merloshop.com e www.merlocasa.com, che portano oltre il 40% del fatturato annuale.

Merlo_carta_packaging_on_line_06

“L’azienda è la mia casa – dice il presidente Giancarlo Merlo- Mi alzo ogni giorno alle 6 e alle 7.30 sono già in ufficio”.

I figli di Giancarlo Merlo (al centro nella foto), Leonardo (a sinistra nella foto) e Gabriele Merlo (a destra nella foto), lo sanno bene. Leonardo è responsabile del reparto Carta&Fantasia (Packaging e vetrinistica), e Gabriele del reparto Carte e Cartoncini per uso grafico e cartotecnico.
Merlo_carta_packaging_on_line_11Sono la terza generazione dell’azienda che il capostipite e fondatore Gastone Merlo ha aperto il 15 giugno del 1925 in un piccolo magazzino in via de’ Benci a Firenze, vicino a Piazza Santa Croce. “Mio padre ha tenuto quel magazzino fino agli anni Sessanta,” racconta oggi Giancarlo Merlo. “Tre anni fa la nostra azienda ha festeggiato i suoi primi 90 anni e oggi ne ha 93, è una soddisfazione – aggiunge – Soprattutto se penso a quante cose sono cambiate”.
Merlo_carta_packaging_on_line_07

L’evoluzione della Nuova Merlo Carta S.p.A, infatti, è andata di pari passo con quella tecnologica e con il cambio di usi e costumi di famiglie e attività commerciali.
Merlo-carta-packaging-on-line_10I sacchetti di carta, le carte da regalo, le decorazioni natalizie, i fiocchi, i piatti e bicchieri che usiamo per le feste di compleanno arrivano proprio da aziende come la Nuova Merlo Carta, che nei suoi due magazzini di Osmannoro – di circa 1700 metri quadri ciascuno – vende all’ingrosso migliaia di articoli di carta personalizzabili in base alle esigenze.
Merlo_carta_packaging_on_line_01“I miei figli, mia moglie Annamaria e io abbiamo iniziato a sviluppare il settore del packaging negli anni Novanta, quando le esigenze del pubblico e del commercio si sono differenziate – spiega Giancarlo Merlo – Oggi, oltre alla carta e al cartone da stampa, vendiamo un’ampia gamma di articoli per profumerie, negozi di abbigliamento, cartolerie,…” “Importiamo dall’Asia, dal Brasile, dalla Corea e il reparto del packaging è in continuo sviluppo.”

Merlo_carta_packaging_on_line_04Merlo_carta_packaging_on_line_09La vendita ai privati avviene esclusivamente attraverso il sito e-commerce www.merlocasa.com, grazie al quale qualsiasi utente può navigare e completare il suo acquisto per riceverlo a casa.

“L’e-commerce è la nuova frontiera del commercio e mi affascina – dice il presidente Giancarlo Merlo – Sono felice di vedere che uno dei miei nipoti sta studiando all’università proprio per sviluppare questo settore.” “L’e-commerce, infatti, richiede molte competenze: fiuto commerciale, competenze tecnologiche, sensibilità per la comunicazione on line. È un lavoro da giovani, e anche se io mi sento sempre ‘il giovane di casa’ penso che la quarta generazione dell’azienda darà un contributo importante allo sviluppo di questo settore”.

La Nuova Merlo Carta conta oggi 18 dipendenti e si confronta soprattutto con la concorrenza dell’imprenditoria cinese: “Anche in questo senso i tempi cambiano, oggi all’Ingromarket – il centro fiorentino per il commercio all’ingrosso – ci confrontiamo con un tipo di imprenditoria diversa da quella italiana, ma fa parte del gioco e stimola l’inventiva, la creatività”.Merlo_carta_packaging_on_line_12

Come nella carta, è la fantasia a fare la differenza e a permetterci di guardare sempre avanti, navigando in acque limpide o un po’ più torbide. Finché scorrono, siamo sicuri che le novità e il futuro non mancheranno.

Informazioni

Nuova Merlo Carta S.p.A. – Carte da stampa e Carta & Fantasia // 50019 Sesto Fiorentino – località Osmannoro // Centro Commerciale Ingromarket via Senna, 44/46

Telefono // 055 318641 – 055 374561 // Fax: 055 318876

Siti web // www.merlocarta.com // www.merloshop.com // www.merlocasa.com

Pagina social // Facebook


Storie di Impresa

Questo è un articolo sponsorizzato. Gli spazi pubblicitari di questo magazine sono fatti di Storie di Impresa: articoli redazionali, servizi fotografici, video e documentari che raccontano storie di imprese italiane – nostre sponsor – attive nella tutela delle tradizioni, nella conservazione del territorio e nel miglioramento delle condizioni di vita della collettività.

Il team di Storie di Chi propone anche altri servizi di comunicazione per le imprese, dai documentari aziendali, ai libri, alle presentazioni.

Scopri di più