Un ex pilota come direttore, una redazione di giornalisti-artigiani e la passione per un materiale che non smette mai di ispirare

Viterbo – Fa parte da sempre delle nostre vite, ovunque ci giriamo lo vediamo e l’infinita varietà di forme e funzioni che assume non smette mai di sorprenderci. È il legno, lo straordinario prodotto della natura che l’uomo trasforma e modella da secoli. È il materiale vivo che accompagna la nostra quotidianità e stimola l’ispirazione di artigiani, artisti e appassionati.
Legno Lab, la rivista bimestrale che racconta il legno a chi lo amaAl legno è dedicata la rivista Legno Lab (legnolab.it), di cui raccontiamo volentieri la storia e le caratteristiche. È una rivista bimestrale disponibile sia on line, su abbonamento, sia in versione cartacea in edicola, e racconta il legno attraverso gli occhi, le mani, le storie e gli esperimenti di chi lo ama, lo conosce e si dedica alla sua lavorazione.
Legno Lab, la rivista bimestrale che racconta il legno a chi lo amaLegno Lab, la rivista bimestrale che racconta il legno a chi lo amaDalla redazione di Viterbo il direttore responsabile di Legnolab, Francesco Cremonini (nella foto a sinistra), ci spiega che la rivista è nata nel 2008 dall’idea di un professore universitario con la passione per il legno. “Il suo obiettivo era tornare a raccontare la tradizione, oscurata dalla produzione industriale del mobile moderno – dice – Io l’ho conosciuto frequentando sul web un forum per appassionati, mi dedicavo al legno nel tempo libero”. Tempo libero fra un volo e l’altro, perché Francesco Cremonini, prima di dedicarsi al giornalismo e all’editoria, lavorava come pilota di linea per la compagnia di bandiera: “Ho iniziato a volare con Alitalia nel 1996 ed è stato grazie ai miei tanti viaggi intorno al mondo che ho avuto la possibilità di sperimentare metodi e tecniche di lavorazione del legno in uso in altri paesi. Sono riuscito anche a importare attrezzature sconosciute o cadute in disuso da tempo”.

L’occasione di mettere in piedi la redazione della rivista tematica Legno Lab ha invogliato Francesco Cremonini a dare una svolta alla sua vita e dedicarsi interamente al mondo del legno. È stato redattore capo Legno Lab, la rivista bimestrale che racconta il legno a chi lo amafino al 2014 quando, con Giacomo Malaspina, (nella foto a sinistra) ha fondato la società editrice Finger Joint per rilevare i diritti di pubblicazione del periodico. Da quell’anno Cremonini è direttore responsabile della rivista, i cui redattori sono artigiani del legno che sperimentano nuove tecniche e progetti di design e li condividono con i lettori.
“Abbiamo capito quasi subito che la nostra redazione non poteva essere composta solo da giornalisti, avevamo bisogno di persone che sapessero scrivere ma che facessero parte, innanzitutto, di questo mondo”, spiega il direttore. Della redazione fanno parte oggi 27 persone, fra collaboratori esterni e interni, che condividono saperi con appassionati e professionisti del settore.

Gli articoli e i temi di approfondimento – che si possono sfogliare on line su abbonamento o leggere nella versione cartacea – spaziano dai consigli su come realizzare progetti e lavorazioni, ai test su strumenti e prodotti, ai racconti del blog, che aprono le porte di botteghe e falegnamerie svelando i segreti di artisti e artigiani del legno.

Legno Lab, la rivista bimestrale che racconta il legno a chi lo amaUno degli articoli più recenti della rivista (nello screenshot sotto), scritto da Renato Mazzucco, parla per esempio del progetto per “Costruire un tavolo e due sgabelli senza troppe complicazioni”, reso disponibile da ivdesign (www.ivdesign.it) che lo ha presentato al salone del mobile dello scorso aprile.

L’oggetto, come si legge nell’articolo, si ispira a un tavolino di Richard Riemerschmid disegnato nel 1898 per una sala della musica in Germania. “È composto da un piano e una struttura portante le cui gambe si sorreggono a vicenda formando un tronco di piramide a base triangolare. Come tre amici che, appoggiandosi la mano sulla schiena, si sostengono l’uno all’altro reggendosi in piedi”, scrive Renato Mazzucco.
Legno Lab, la rivista bimestrale che racconta il legno a chi lo amaNella sezione blog, in cui Francesca di Croce ha dedicato un articolo a Storie di chi, è molto interessante l’articolo di Giacomo Malaspina, caporedattore di Legno Lab, che racconta la visita del maestro giapponese Tsunehito Minegishi nel laboratorio della rivista. Quando il maestro è arrivato, la redazione stava giusto testando un pialletto giapponese e la sua presenza è stata fondamentale per la corretta preparazione dell’utensile.
Legno Lab, la rivista bimestrale che racconta il legno a chi lo amaAbbiamo un grande rispetto delle tradizioni tecniche del Giappone e tutto avremmo voluto tranne che fare una brutta figura – scrive Malaspina nel Blog di Legno Lab – Quindi, piuttosto che cimentarci in patetiche sceneggiate, abbiamo deciso di accogliere Tsunehito come avremmo fatto con chiunque altro. In pratica quando è arrivato ci ha trovati tra la troncatrice e il banco da lavoro dove stavamo approntando un paio di incastri con tecniche e strumenti rigorosamente occidentali”.

E l’articolo continua: “In pochi minuti abbiamo iniziato a fare trucioli, sottilissimi naturalmente, e a parlare di attrezzature e tecniche varie. Parlare per modo di dire perché in realtà abbiamo iniziato a tirare fuori ogni sorta di attrezzo scambiandoci opinioni (leggasi gesti, movimenti, suoni e sguardi) sulle differenze tra la tradizione giapponese e quella occidentale. Man mano che gli utensili uscivano da cassetti e scaffali, l’entusiasmo di Tsune (abbreviazione di Tsunehito per gli amici) cresceva”. “Era letteralmente rapito, esattamente come lo saremmo stati noi nel suo laboratorio.”
Legno Lab, la rivista bimestrale che racconta il legno a chi lo ama

Molto interessanti, di Legno Lab, sono anche i due concorsi “E tu, come lo fai?”, che premia a ogni edizione i trucchi e i metodi migliori tra quelli ricevuti dai propri lettori, e “Re-design your future”, che porta i designer in laboratorio per realizzare il prototipo del loro progetto. L’edizione di quest’anno, Switch the wood ON, è dedicata alla progettazione di una lampada in legno.

“Siamo molto soddisfatti di come la rivista sta crescendo e si sta sviluppando – dice il direttore Francesco Cremonini – Il modo migliore e più autentico di raccontare un materiale è proprio farlo descrivere da chi lo conosce bene e si mette sempre in gioco per trovare nuove soluzioni”. “Il nostro sogno è portare la rivista anche all’estero, per allargare la comunità dei nostri lettori e arricchire i contenuti con ispirazioni in arrivo da diverse culture”.
Legno Lab, la rivista bimestrale che racconta il legno a chi lo ama